Disturbo da Uso di Alcol, Comorbidità Psichiatrica: implicazioni cliniche e interventi

Il Disturbo da Uso di Alcol (DUA) è un malattia complessa che presenta un’eterogeneità clinica, genetica e neurofisologica (APA, 2013; Breese et al., 2011; Morley et al., 2013). Il DUA si presenta spesso in associazione ad altri disturbi psichiatrici (Grant et al. 2004a, b; Rich & Martin, 2014; Stewart, 2007).

Nello specifico, la depressione e l’ansia sono le manifestazioni psichiatriche maggiormente associate all’alcolismo e favoriscono il craving (desiderio di bere) e la ricaduta (Ipser et al., 2015; Karpyak et al., 2016). I dati epidemiologici supportano una maggiore prevalenza di una sintomatologia depressiva nelle donne rispetto ai maschi alcolisti (Hasin et al., 2005; Weinberger et al., 2009). Il 45% dei pazienti con dipendenza da alcol soddisfa i criteri diagnostici per la comorbidità con un disturbo d’ansia, in particolare la presenza del Disturbo di Panico e dell’Ansia Sociale aumenta il rischio di ricaduta da 3 a 7 volte (Alegría et al., 2010; Kushner et al., 2005).

Anche i Disturbi di Personalità sembrano essere associati al DUA. Il Disturbo di Personalità, infatti, ha una probabilità quattro volte più alta di essere presente in pazienti affetti da un disturbo da uso di sostanze rispetto alla popolazione generale (Verheul, 2001). In particolare, gli studi mostrano un’elevata comorbidità tra i Disturbi di Personalità del Cluster B (Antisociale, Istrionico, Borderline e Narcisistico) e il DUA (Tragesser et al., 2008). Tuttavia, tutto l’intero spettro dei Disturbi di Personalità può presentarsi in comorbidità con la dipendenza da alcol (Echeburua et al., 2005, 2007; Grant et al., 2004b).

Sembrerebbe che in persone con dipendenza da alcol la comorbidità con disturbi psichiatrici predica tempi di ricaduta minori (Morley et al., 2013). Inoltre, tali soggetti fanno un maggior uso delle strutture sanitarie (Stewart, 2007), ricevono meno trattamenti specifici per l’alcolismo e hanno un decorso più grave della dipendenza da alcol, rispetto ai pazienti che non presentano una comorbidità (Ipser et al., 2015).

L’esperienza clinica mostra come pazienti con DUA in comorbidità con un disturbo psichiatrico sembrano avere una gravità maggiore della dipendenza rispetto ai pazienti che non presentano tale comorbidità. La comorbidità psichiatrica è un problema significativo in molti pazienti con DUA, in quanto è associata ad un aumento significativo del rischio di recidiva e dei comportamenti suicidari (Rich, 2014). Diversi autori hanno trovato un’associazione fra gravità della dipendenza da alcol ed incremento della probabilità della ricaduta. Nello specifico, studi clinici e sperimentali mostrano che il craving è correlato con la gravità della dipendenza (Casey, 2012) ed è un predittore delle ricadute dopo la fine del trattamento (Bottlender and Soyka, 2004; Evren et al., 2010; Flannery et al., 2003).

Quando, invece, la psicopatologia è associata alla presenza di una dipendenza grave,  la situazione clinica si complica. Il disturbo presenta un decorso peggiore e la gestione del trattamento da parte del clinico diventa ancora più complessa. Questo ci pone importanti interrogativi sul trattamento da adottare per questi pazienti.

L’approccio bio-psico-sociale all’alcolismo, il quale implica un intervento su più fronti (medico, psichiatrico, psicologico e sociale), è oggi generalmente ritenuto il più adatto a spiegare il DUA, la cui complessità risiede nella sua patogenesi multifattoriale e nelle sue svariate manifestazioni cliniche (disturbi psico-comportamentali, malattie alcol-correlate internistiche, neurologiche o psichiatriche). Tale modello implica la presenza di una equipe di professionisti che integrano il loro lavoro per elaborare una diagnosi e un piano di trattamento al fine di migliorare significativamente la prognosi a lungo termine, anche quando si presenta in comorbidità. In particolare, l’intervento psicologico si rivela particolarmente utile per aumentare la motivazione a smettere o ridurre il bere, per individuare le situazioni a rischio di bevuta, per capire  quali sono le emozioni legate al bere e per prevenire le ricadute (Linee Guida CRARL, 2016).

 

Bibliografia

Alegría, A.A., Hasin, D,S., Nunes, E.V., Liu, S.M., Davies, C., Grant, B.F., and Blanco, C. (2010). Comorbidity of Generalized Anxiety Disorder and Substance Use Disorders: Results from the National Epidemiologic Survey on Alcohol and Related Conditions. J Clin Psychiatry.; 71(9): 1187–1195.

American Psychiatric Association. (2013). Diagnostic and statistical manual of mental disorders (5th ed.). Arlington, VA: American Psychiatric Publishing. Trad. Italiana (2014) DSM-5: Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Raffaello Cortina.

Bottlender, M., Soyka, M., (2004). Impact of craving on alcohol relapse during, and 12 months following, outpatient treatment. Alcohol Alcohol., 39, 357–361.

Breese, G.R., Sinha, R., Heilig, M. (2011). Chronic alcohol neuroadaptation and stress contribute to susceptibility for alcohol craving and relapse. Pharmacol Ther.; 129:149–71.

Casey, M., Adamson, G., Shevlin, M., McKinney, A. (2012). The role of craving in AUDs: Dimensionality and Differential Functioning in the DSM-5. Drug and Alcohol Dependence, 125:75– 80.

Echeburua, E., Bravo De Medina, R., Aizpiri, J. (2005). Alcoholism and personality disorders: An exploratory study. Alcohol Alcohol, 40: 323-326.

Echeburua, E., Bravo De Medina, R., Aizpiri, J. (2007). Comorbidity of alcohol dependence and personality disorders: A comparative study. Alcohol Alcohol , 42(6): 618-622.

Evren, C., Cetin, R., Durkaya, M., Dalbudak, E., (2010). Clinical factors associated with relapse in male alcohol dependents during six-month follow-up. Behav. Cogn. Psychother., 20, 14–22.

Flannery, B.A., Poole, S.A., Gallop, R.J., Volpicelli, J.R., (2003). Alcohol craving predicts drinking during treatment: an analysis of three assessment instruments. J. Stud. Alcohol Drugs, 64, 120–126.

Grant, B. F., Stinson, F. S., Dawson, D. A., Chou, S. P., Dufour, M. C., Compton, W., Pickering, R. P., & Kaplan, K. (2004a). Prevalence and co-occurrence of substance use disorders and independentmood and anxiety disorders: results from the National Epidemiologic Survey on Alcohol and Related Conditions. Alcoholism: Clinical and Experimental Research, 61(8), 807–816.

Grant, B. F., Stinson, F. S., Dawson, D. A., Chou, S. P., Ruan, W. J., & Pickering, R. P. (2004b). Co-occurrence of 12-month alcohol and drug use disorders and personality disorders in the United States: results from the National Epidemiologic Survey on Alcohol and Related Conditions. Arch Gen Psychiatry; 61(4):361-368.

Hasin, D.S., Goodwin, R.D., Stinson, F.S., & Grant, B.F. (2005) Epidemiology of major depressive disorder: results from the National Epidemiologic Survey on Alcoholism and Related Conditions, Archives of general psychiatry, 62, 1097-106.

Ipser, J.C., Wilson, D., Akindipe, T.O., Sager, C., Stein DJ. (2015) Pharmacotherapy for anxiety and comorbid alcohol use disorders. Cochrane Database Syst Rev.

Karpyak, V.M., Biernacka, J.M., Geske, J.R., Abulseoud, O.A., Brunner, M.D., Chauhan, M., Hall-Flavin, D.K., Lewis, K.A., Loukianova, L.L., Melnyk, G.J., Onsrud, D.A., Proctor, B.D., Schneekloth, T.D., Skime, M.K., Wittkopp, J.E., Frye, M.A., Mrazek, D.A. (2016). Gender-specific effects of comorbid depression and anxiety on the propensity to drink in negative emotional states. Addiction. Mar 24.

Kushner, M.G., Abrams, K., Thuras, P., et al. (2005). Follow-up study of anxiety disorder and alcohol dependence in comorbid alcoholism treatment patients. Alcohol Clin Exp Res; 29:1432–1443.

Morley, K.C, Baillie, A., Sannibale, C., Teesson, M. & Haber, P.S. (2013). Integrated care for comorbid alcohol dependence and anxiety and/or depressive disorder: study protocol for an assessor-blind, randomized controlled trial. Addiction Science & Clinical Practice, 8:19

Rich, J.S., & Martin, P.R. (2014). Co-occurring psychiatric disorders and Alcoholism. Handbook of Clinical Neurology,Vol. 125:573-588.

Stewart, S.H. (2007). Alcoholics in acute medical settings have increased risk for other drug, mood, and personality disorders. Int J Psychiatry Med; 37: 59–67.

Tragesser, S.L., Trull, T.J., Sher, K.J., Park, A. 2008. Drinking motives as mediators in the relation between personality disorder symptoms and alcohol use disorder. J Pers Disord.

Verheul, R. (2001). Co-morbidity of personality disorders in individuals with substance use disorders. Eur Psychiatry 16: 274-282.

Weinberger, A. H., Maciejewski, P. K., Mckee, S. A., Reutenauer, E. L. & Mazure, C. M. (2009) Gender differences in associations between lifetime alcohol, depression, panic disorder, and posttraumatic stress disorder and tobacco withdrawal. American Journal on Addictions, 18, 140-7.

SITOGRAFIA

http://www.crarl.it/sam-linee-guida/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *